Cenni storici

Immagine
Logo del Programma di Studi in Produzione Industriale

Il programma di studi in “Produzione Industriale”, composto dal corso di Laurea (3 anni) in “Ingegneria della Produzione Industriale” e il corso di Laurea Magistrale (2 anni) in “Ingegneria della Produzione Industriale e dell'Innovazione Tecnologica”, è il risultato di un accordo di partenariato del Politecnico di Torino con alcune prestigiose università europee e combina l'insegnamento di materie tecnologiche (area di eccellenza del Politecnico di Torino) con l'insegnamento di materie economico-organizzative (area di eccellenza delle università partner).

Tale programma rappresenta la naturale evoluzione del “Diploma Universitario Europeo in Produzione Industriale”, istituito nel 1986 in collaborazione con la University of Brighton e, dal 1995, con l’École de Management Léonard de Vinci (EMLV) di Parigi, con il contributo attivo di un gruppo di aziende che avevano costituito l’“Associazione per lo Sviluppo della Scuola della Produzione Industriale del Politecnico di Torino” (ASSEPI), per fornire i tirocini curricolari e supporto al corso. 

L’attuale programma di studi è svolto in collaborazione con le tre seguenti università partner straniere, determinando tre “filiere” corrispondenti:

  • dal 2003 con l’Universitat Internacional de Catalunya (UIC) di Barcellona (Spagna);
  • dal 2004, con Technological University of the Shannon – Athlone Campus (TUS, già Athlone Insitute of Technology, AIT) di Athlone (Irlanda);
  • dal 2011 con l’IPAG – Business School (IPAG) di Nizza (Francia).

Dal 2009, succede ad ASSEPI il “Comitato di Sostegno al Corso in Produzione Industriale” (CSPI), con lo scopo di mantenere il raccordo tra il programma di studi – particolarmente apprezzato dal sistema delle imprese per la sua internazionalità e trasversalità di formazione – e il sistema socio-economico. 
Dal 2022, in ottemperanza agli obblighi ministeriali di accreditamento periodico, si istituisce un nuovo comitato di consultazione, composto da stakeholder con ruoli di primo piano in molteplici contesti del sistema socio-economico – come grandi imprese italiane e multinazionali nell’area industriale e dei servizi, associazioni datoriali di imprese (Confindustria Piemonte), associazioni di imprenditori (Compagnia delle Opere del Piemonte), centri di trasferimento tecnologico (Digital Innovation Hub Piemonte) – con l'obiettivo di orientare lo sviluppo delle attività scientifiche e didattiche del programma di studi.
A titolo di curiosità, tra i coordinatori/referenti del programma di studi che si sono succeduti negli anni, si annovera il Prof. Francesco Profumo, già Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca dal 2011 al 2013.