Tirocinio / Prova finale

Questa sezione fornisce alcune informazioni operative con riferimento a:

  1. Tirocinio;
  2. Richiesta, preparazione e discussione della Prova Finale.

Immagine
Produzione_Industriale_(L3+LM)_Foto_Tirocinio

ll tirocinio curricolare del 2° anno, solitamente svolto all'estero in una pluralità di possibili ambiti (industriale, amministrativo, commerciale, dell’informazione, ecc.), è un'attività qualificante che fornisce allo studente l’opportunità di mettere in pratica le conoscenze acquisite nel corso di studi, sviluppando abilità, competenze e attitudini. La relazione finale di tirocinio è spesso utilizzata come base per la Prova Finale del corso di studi (impropriamente definita “tesi di I livello”).

Per gli studenti della filiera spagnola (UIC – Barcellona) e francese (IPAG – Nizza), il tirocinio è incardinato in uno dei moduli didattici previsti per il 2° anno presso le università partner straniere, che supportano lo studente nella ricerca del tirocinio e nella gestione dello stesso, senza necessità di coinvolgere direttamente il Politecnico di Torino.

Per gli studenti della filiera irlandese (TUS – Athlone), il tirocinio non viene supportato dall’università partner (TUS – Athlone), ma può essere gestito in due modi alternativi:

  1. Attraverso il Career Service di PoliTO (https://careerservice.polito.it/home), che consente a aziende/enti ospitanti di stabilire convenzioni standard col Politecnico di Torino e poi caricare offerte di tirocinio (di almeno 300 ore) per gli studenti; questa operazione preliminare richiede un arco di tempo di circa 24-48 ore. Gli studenti interessati possono così aderire alle suddette offerte, attivando un “Progetto formativo curricolare” attraverso il portale della didattica. Al termine del tirocinio, per ottenere la convalida dello stesso, lo studente dovrà compilare un timesheet (foglio ore controfirmato dall’azienda), una relazione di 3-5 pagine che descriva il lavoro svolto e caricarli su portale.
  2. Per sopperire alle situazioni in cui aziende/enti ospitanti, soprattutto quelli all'estero, hanno difficoltà a interfacciarsi con il Career Service del PoliTO, il corso di studi riconosce anche attività basate su accordi diretti o contratti di stage/lavoro (temporaneo/permanente) con lo studente. È essenziale che si svolgano almeno 300 ore di attività su un progetto specifico – senza sovrapposizioni con i corsi/esami presso il Politecnico di Torino e l’università partner di riferimento – e che, al termine, si invii a digep.didattica@polito.it e floriana.pellegrino@polito.it la seguente documentazione (i) copia dell'accordo/contratto di stage/lavoro con l'azienda/organizzazione ospitante (accertandosi che comprenda anche copertura assicurativa), (ii) relazione di 3-5 pagine che descriva il lavoro svolto, e (iii) il tutor aziendale invii (sempre a digep.didattica@polito.it e floriana.pellegrino@polito.it) un'e-mail che attesti il completamento del tirocinio e sia corredata di timesheet (foglio ore) con l'elenco delle ore complessivamente svolte giornalmente, debitamente firmato. Una volta verificata tutta la documentazione, la segreteria del DIGEP autorizzerà il referente per i tirocini alla registrazione. Non si dovrà inviare nulla in anticipo.

La procedura di richiesta, preparazione e discussione della Prova Finale (impropriamente definita “tesi di I livello”) è piuttosto articolata e, a seconda delle condizioni contingenti, può variare di anno in anno. Si trasmette qui un documento contenente informazioni dettagliate con riferimento all’A.A. 2022-23.