Organizzazione e percorso

Immagine
Produzione_Industriale_(LM)_Foto_Intro

Il numero di studenti ammissibili è determinato dagli specifici accordi con le università partner straniere, che possono subire variazioni di anno in anno. A titolo puramente indicativo, gli accordi attualmente in vigore prevedono un numero chiuso di 85 studenti all’anno, così ripartiti: 40 TUS (Irlanda), 30 UIC (Spagna), 15 IPAG (Francia). Gli studenti ammessi saranno individuati sulla base di una graduatoria relativa ai risultati del test d'ingresso (TIL), comune a tutti i corsi di laurea in ingegneria presso il Politecnico di Torino. Per entrare in graduatoria è richiesto un punteggio minimo di 60 su 100 punti.

Sintetizzando, il percorso di laurea in “Ingegneria della Produzione Industriale” è così articolato:

  • 1° anno in cui ogni studente (italiano o straniero) seguirà le lezioni presso l’università in cui è iscritto (gli immatricolati in Spagna, a Barcellona; gli immatricolati in Irlanda ad Athlone, gli immatricolati in Francia a Nizza e gli immatricolati in Italia a Torino).
  • 2° anno in cui gli studenti italiani si trasferiranno all’estero e durante il 1° periodo didattico seguiranno le lezioni insieme agli studenti stranieri dell’università partner prescelta; nel 2° periodo didattico, oltre a completare le lezioni, dovranno effettuare un tirocinio aziendale (curricolare) all’estero o in Italia. Si segnala che i periodi di insegnamento e le sessioni d’esame presso le università partner sono temporalmente differenti rispetto a quelli del Politecnico di Torino. In genere, le lezioni del 1° periodo didattico presso le università partner iniziano ai primi di settembre e terminano prima, così come la relativa sessione d’esami.
  • 3° anno in cui tutti gli studenti (italiani e stranieri) frequenteranno insieme le lezioni a Torino.

Al termine del percorso di laurea triennale, gli studenti (italiani e stranieri) otterranno il titolo di “Laurea in Ingegneria della Produzione Industriale” dal Politecnico di Torino. All'interno degli accordi di partenariato sono altresì definite le regole per ottenere i titoli rilasciati dalle università partner straniere che aderiscono al programma.

Si precisa che durante il 2° anno, trascorso all'estero presso una delle università partner, gli studenti ricevono una borsa di studio erogata dal Politecnico di Torino, il cui importo - indicativamente intorno ai 500-600 € per ogni mese di mobilità - dipende da vari fattori (ad esempio, contributo per la mobilità Erasmus della Commissione Europea, reddito familiare, periodo effettivamente trascorso all’estero, esami sostenuti, ecc.). La borsa viene erogata in una o due tranche al termine del periodo di mobilità agli studenti in regola con gli studi. Ulteriori dettagli saranno comunicati agli studenti dall’ufficio mobilità internazionale del Politecnico di Torino, di solito intorno a febbraio-aprile dell’anno in cui si effettua la mobilità all’estero.