Anagrafe della ricerca

BRAIN - Validazione di indicatori neurobiologici per la valutazione del benessere di bovini in allevamento intensivo

Durata:
36 mesi (2023)
Responsabile scientifico:
Tipo di progetto:
National Research
Codice identificativo progetto:
IZS PLV 09/20 RC
Ruolo PoliTo:
Partner

Abstract

La tutela del benessere degli animali in allevamento intensivo è divenuto un fattore sempre più stringente e determinante per l’opinione pubblica che richiede alimenti sani, di qualità e prodotti eticamente. L'allevamento intensivo sottopone gli animali a notevoli eventi stressanti che possono in alcuni casi provocare la compromissione dell’omeostasi dei soggetti allevati modificandone la regolare funzionalità dell’organismo. Tuttavia, la definizione di “benessere animale” e le modalità di determinazione di tale parametro sono ancora ampiamente dibattute. Vi è, però, una generale concordanza sul fatto che una condizione di stress dia origine a variazioni fisiologiche e comportamentali che possono essere rilevate e misurate. Fattori di stress e condizioni di scarso benessere possono avere come conseguenza una maggiore predisposizione alle malattie. Ciò può determinare un rischio per i consumatori, come ad esempio nel caso delle comuni tossinfezioni alimentari causate dai batteri Salmonella, Campilobacter ed E.Coli. La presenza inoltre, sul territorio nazionale, di grandi aziende di trasformazione e distribuzione di prodotti lattiero caseari esportati in tutto il mondo, rende necessario poter conoscere il livello di benessere dei bovini allevati nelle nostre aziende per fornire al consumatore un’informazione corretta e diffondere tra gli operatori di filiera una guida per migliorare le condizioni di allevamento. Per questo, è forte l’esigenza di definire nuovi indicatori standardizzati animal-based che possano essere utilizzati per implementare gli attuali strumenti di valutazione del benessere, basati principalmente su sistemi di valutazione ad indice aziendale. In particolare, il sistema denominato ClassyFarm si basa sull’utilizzo di apposite check-list elaborate da esperti del settore e pur essendo molto utile nell’individuazione di criticità gestionali è principalmente influenzato da parametri produttivi. Le neurotrofine sono coinvolte nell’eziopatogenesi del disturbo depressivo stress-correlato e numerosi studi riportano alterazioni del fattore neurotrofico derivato dal cervello (BDNF) in diversi disturbi neuropsichiatrici umani [1,2]. La via delle chinurenine è una via metabolica che porta alla produzione di nicotinammide adenina dinucleotide (NAD+) dalla degradazione dell’amminoacido essenziale triptofano a discapito della via serotoninergica. Un percorso triptofano-chinurenina sbilanciato è associato a diversi tipi di malattie, come disturbi mentali e psicotici, stress e malattie neurodegenerative come la Sclerosi Laterale Amiotrofica [3-5]. In questo contesto, il gruppo capofila del presente progetto, nella ricerca IZSPLV05/15RC, ha misurato i livelli di espressione e di attività del BDNF e della indolamine 2,3-diossigenasi (IDO), enzima coinvolto nella conversione del L-triptofano in chinurenine, nel plasma e nel sistema nervoso centrale di vacche da latte allevate in tre diverse condizioni di stabulazione (libera, libera spinta, fissa). I risultati ottenuti evidenziano come un ambiente povero di stimoli quale quello della stabulazione fissa possa inibire la conversione del precursore del BDNF (proBDNF) nella sua forma matura (mBDNF) rispetto agli animali a stabulazione libera. Inoltre, è stato osservato come lo stress indotto da un’eccessiva produttività determini un significativo aumento dell’attività specifica IDO rispetto a modalità di allevamento con indici di produttività più sostenibili. Pertanto, il presente progetto di ricerca intende validare gli indicatori di benessere individuati (BDNF, IDO) e valutarne l’applicabilità in campo i) esaminando un maggior numero di bovini, applicando lo stesso modello di studio adottato nella ricerca IZSPLV05/15RC ii) considerando ulteriori fattori di stress acuto e cronico correlati alla gestione intensiva dell’allevamento iii) investigando il ruolo di fattori ambientali, genetici e biochimici nel modularne l’attività.

Strutture coinvolte

Partner

  • ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE D'AOSTA - Coordinatore
  • POLITECNICO DI TORINO - AMMINISTRAZIONE CENTRALE

Parole chiave

Settori ERC

LS9_3 - Animal sciences (including animal husbandry, aquaculture, fisheries, animal welfare)

Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals)

Obiettivo 12. Garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo

Budget

Costo totale progetto: € 88.000,00
Contributo totale progetto: € 88.000,00
Costo totale PoliTo: € 7.700,00
Contributo PoliTo: € 7.700,00