Stefania Tamea

Professoressa Associata (L.240)
Dipartimento di Ingegneria dell'Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture (DIATI)

  • Componente Centro Interdipartimentale PIC4SeR - PoliTO Interdepartmental Centre for Service Robotics

Profilo

Interessi di ricerca

Hydrological modelling
Water footprint
Water resources

Biografia

Stefania Tamea si occupa di risorse idriche e modellazione ambientale e statistica. Ha ottenuto il dottorato di ricerca al Politecnico di Torino nel 2007 e le sue attività di ricerca riguardano le risorse idriche per l’agricoltura, gli indicatori di impronta idrica e acqua virtuale, il monitoraggio di campo e da remoto della disponibilità d’acqua, anche in forma di neve e ghiaccio e nel contesto dei cambiamenti climatici.

Settore scientifico discliplinare

ICAR/02 - COSTRUZIONI IDRAULICHE E MARITTIME E IDROLOGIA
(Area 0008 - Ingegneria civile ed architettura)

Competenze

Settori ERC

PE10_3 - Climatology and climate change
PE10_17 - Hydrology, water and soil pollution
SH2_6 - Sustainability sciences, environment and resources

SDG

Goal 6: Clean water and sanitation
Goal 11: Sustainable cities and communities
Goal 12: Responsible consumption and production
Goal 13: Climate action

Premi e riconoscimenti

  • Enrico Marchi lecture award conferito da Gruppo italiano di Idraulica - GII, Italia (2015)
  • WRR Editor's Choice Award conferito da Editors of the journal "Water Resources Research" published by AGU, Stati Uniti (2015)

Didattica

Collegi di Dottorato

  • INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE, 2022/2023 (39. ciclo)
    Politecnico di TORINO
  • INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE, 2019/2020 (36. ciclo)
    Politecnico di TORINO

Collegi dei Corsi di Studio

Insegnamenti

Corso di laurea magistrale

MostraNascondi A.A. passati

Corso di laurea di 1° livello

MostraNascondi A.A. passati

Ricerca

Ambiti di ricerca

Progetti di ricerca

Progetti finanziati da bandi competitivi

Progetti finanziati da contratti commerciali

Dottorandi

Pubblicazioni

Pubblicazioni più recenti Vedi tutte le pubblicazioni su Porto@Iris