Garante dei Ricercatori

Nell'ambito del percorso di attuazione della Raccomandazione della Commissione Europea riguardante la Carta europea dei Ricercatori e un Codice di Condotta per l'Assunzione dei Ricercatori (2005/251/CE), al fine di promuovere un ambiente di lavoro favorevole per i ricercatori, il Politecnico di Torino ha istituito la figura del Garante dei Ricercatori.

Su designazione del Senato Accademico, con DR n. 956/2019 la Prof.ssa Claudia De Giorgi, nella sua qualità di Vice Rettrice per la Qualità, il Welfare e le Pari Opportunità, è stata nominata Garante dei Ricercatori.

In linea con quanto previsto nel principio "Reclami e ricorsi" della Carta Europea, il Garante dei Ricercatori è la figura incaricata di intervenire informalmente in caso di reclami e ricorsi promossi dai ricercatori, nonché in caso di conflitti sorti tra supervisori e ricercatori nella fase iniziale della carriera, in piena autonomia ed indipendenza. Nell'esercizio dei propri compiti, il Garante deve assicurare imparzialità, garantendo un trattamento giusto ed equo all'interno dell'istituzione universitaria nonché la riservatezza di coloro che ad esso si rivolgono. Con il termine ricercatori si intende la definizione contenuta nella Carta Europea, che include tutti coloro che svolgono attività di ricerca in qualsiasi fase della carriera e con qualsiasi ruolo: dal dottorato, all'assegno di ricerca, al ricercatore a tempo determinato e indeterminato, fino al professore di I e II fascia.

Il funzionamento della figura del Garante dei Ricercatori è descritto nelle "Linee guida di funzionamento del Garante dei Ricercatori".

Il Garante assume la trattazione del caso su richiesta scritta del soggetto interessato che deve inviare l'istanza tramite mail all'indirizzo garante.ricercatori@polito.it.