SISCON - Safety of Infrastructures and Constructions

SISCON è il Centro interdipartimentale del Politecnico di Torino nato nel 2018 con lo scopo di dare una risposta univoca e multidisciplinare alla problematica della sicurezza delle infrastrutture e delle costruzioni.

Il Centro è composto da oltre 40 docenti afferenti a 4 diversi Dipartimenti (DISEG, DISAT, DIATI, DIGEP) del Politecnico di Torino.

Le attività svolte riguardano l'innovazione nella progettazione delle infrastrutture civili, il monitoraggio, il controllo attivo e l'analisi delle strutture esistenti al fine di creare una nuova cultura progettuale, esecutiva e manutentiva nonché l'accertamento dello stato delle infrastrutture e i relativi programmi di manutenzione e controllo.

Le principali prerogative del Centro SISCON spaziano dalla multidisciplinarietà delle competenze, ai contatti internazionali e la sinergia con i principali operatori italiani del settore infrastrutturale e delle costruzioni, alla capacità di svolgimento di prove sperimentali alla micro, macro e meso scala, e all'innovazione tecnologica.

SISCON è dotato di strumentazione per il monitoraggio strutturale di alto livello tecnologico con attrezzature allo stato dell'arte (emissioni acustiche, ultrasoniche, diffrattometro a raggi X, spettrometro laser THz-TDS, Digital Image Correlation, accelerometri per identificazione dinamica, sensori di deformazione e inclinometri), di un laboratorio chimico/fisico all'avanguardia per la caratterizzazione chimica di calcestruzzi e metalli, e di strumenti per il controllo reologico del calcestruzzo (stampa 3D ed estrusione). Il Centro dispone inoltre di un'attrezzatura unica in Italia per prove su elementi strutturali in vera grandezza con lunghezza fino a 30 metri che possono essere eseguite con un telaio di reazione modulare in acciaio trasportabile (munito di sistemi di applicazione del carico con 4 attuatori da 1200 kN ciascuno).

Il Centro svolge attività per i principali Organismi di Controllo nonché per i maggiori Concessionari della rete stradale e ferroviaria nazionale ed i relativi Enti Gestori e Appaltanti italiani (Ministero MIMS, MIUR, ASPI, ANAS, SITAF, RFI, TELT, Comune di Torino e altri). Si segnalano, inoltre, rapporti di ricerca consolidati con le più importanti società leader operanti nel settore dei materiali da costruzione (Buzzi-Unical, Mapei, Italcementi, ecc.).

Gli scenari operativi in cui si articola l'attività di monitoraggio e ricerca del Centro riguardano strutture ed infrastrutture quali ponti e viadotti, gallerie e opere in sotterraneo, reti idrauliche, dighe, edifici alti, pavimentazioni stradali. Particolare attenzione è rivolta alla sostenibilità e all'innovazione promuovendo l'utilizzo di materiali strutturali con durabilità controllata e che garantiscono la robustezza strutturale.

Il Centro SISCON utilizza e sviluppa tecniche di intelligenza artificiale AI, per la valutazione, localizzazione e predizione del danno strutturale (DDEP, Damage Detection, Evaluation, Prediction) con lo scopo di individuare i possibili segnali deboli di sofferenza (weak signals) per stabilire lo stato di salute della struttura (intelligent damage detection).

Tra le altre attività si evidenziano quelle di mappatura degli ammaloramenti e dei quadri fessurativi nonché l'individuazione del degrado strutturale come ad esempio gli effetti della corrosione delle armature ordinarie e precompresse. Il Centro si occupa anche della validazione dei risultati di monitoraggio strutturale attivo di dighe; dello studio dei danni su manufatti investiti da valanghe di neve e flussi detritici; dell'analisi dei meccanismi di collasso strutturale di infrastrutture idrauliche ed energetiche (per es. canali idroelettrici).

Il Centro, infine, offre un'ampia disponibilità per attività di formazione relativamente alle attuali normative del settore delle costruzioni.